Nuovo appuntamento con le nostre interviste ai lettori: dopo Andrea Borgatta, oggi è il turno di Savino Paolella.

Savino Paolella è nato a Milano nel 1957.

Oggi si occupa di fotografia, sua passione ed ambizione da giovane, ma non solo: è un giornalista pubblicista e scrive di management, viaggi e fotografia, ovviamente.

Quale è il tuo genere fotografico preferito/ di quale genere fotografico ti occupi?

Mi occupo di foto di Sport, Case e Persone.

AX - Sassari 31-3-21 Savino Paolella

Qui vorrei parlare della foto di Sport, in particolare di basket.

Ci racconti il tuo primo ricordo legato alla fotografia?

Da giovane teenager amavo fare foto con la Bencini di mio papà alle ragazze.

Poi giocavo a basket e adoravo avere foto di me che giocavo e farle ai miei compagni.

Da allora la passione è cresciuta e si è evoluta.

Quale artista ti ha ispirato di più o a quale artista ti ispiri in questo momento?

A parte i soliti noti “Maestri” quali Adams, Capa, Henri Cartier-Bresson, Fontana, attualmente seguo con interesse Vladimir Rys, Alan Schaller e alcuni giovani italiani.

Ma cerco di non ispirarmi perché rischierei di “copiare”.

Fotografia Sportiva Basket Savino Paolella

Lo scatto/opera realizzata che ti ha dato maggiore soddisfazione?

Soddisfazioni?

Una delle immagini recenti (2 anni fa, poi il Covid ha limitato molto…) è stata comprata da Sportweek.

Questo mi ha dato una certa soddisfazione: quando l’ho scattata i colleghi urlavano al giocatore con la figlia in braccio di spostarsi ed io, invece, pregavo che restasse lì, perché per me quella era la foto migliore!

Ho avuto ragione, e Naima Mancini, la photo-editor di Sportweek, l’ha scelta come Foto della Settimana.

Per un fotografo di sport è sicuramente una grande soddisfazione.

photo by Savino PAOLELLA ©2020Tutti i diritti riservati - All rights reserved

Parlaci un po’ della tua attrezzatura!

L’attrezzatura è importante in relazione al tipo di fotografia.

Per la foto di sport da qualche anno sono approdato a Olympus: ottiche e fotocamere leggere, performanti, robuste e non troppo costose.

Uso OMD EM 1 Mark III e Mark II, ottiche 12-40/2.8 Pro, 40-150/2.8 Pro, 8-25/4 Pro, 45/1.8, moltiplicatore 1.4X, battery grip. 

Per la foto di case e real-estate uso Panasonic Lumix S1R con ottiche Lumix 16-35/2 e 20-60/3.5-5.6.

Per ritratti e street uso Leica Q2 (28/1.7) e SL2-S con ottiche 24-90/2.8-4, Lumix 85/1.8, Lumix 70-300/4-5.6, Sigma 105/2.8 Macro.

Che consiglio daresti a chi si affaccia oggi per la prima volta al mondo della fotografia?

Ai giovani consiglierei di studiare arte, comunicazione e di guardare tante, tantissime opere dei Maestri e dei grandi fotografi di successo.

Tenersi aggiornati, leggere, studiare, ispirarsi a qualcosa di nuovo e di personale.

All’inizio non servono grandi attrezzature: una fotocamera con un paio di ottiche vanno più che bene.

Sceglietevi un settore in cui diventare i Numeri Uno!

Ecco qualche mia foto di Sport, in particolare di basket:

Puoi trovare Savino Paolella su:

SitoFB

Continua a seguirci, nel prossimo articolo potrebbe esserci la tua intervista!

Articolo precedenteMario Giacomelli: Tra astrattismo e poesia
Articolo successivoFood Photography: Qual è la giusta attrezzatura per affrontare gli imprevisti?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui