Home Pillole di fotografia La regola dei terzi – Pillole di fotografia

La regola dei terzi – Pillole di fotografia

0

Facciamo sempre di tutto per ottenere il massimo dalla nostra attrezzatura e arrivare allo scatto perfetto, quel qualcosa in più lo possiamo avere studiando molto l’inquadratura.

Tutti abbiamo sentito parlare almeno una volta della:

Regola dei terzi

In realtà poi non si pone abbastanza attenzione mentre si scatta.

La maggior parte delle fotocamere recenti hanno la possibilità di visualizzare un reticolo sul display, a volte modificabile anche nella spaziatura.

Impariamo ad usarla.

L’inquadratura viene virtualmente divisa in 9 porzioni (detti “terzi”) come da figura sottostante

cosa-è-regola-dei-terzi-pillole-di-fotografia

Da due coppe di linee che si intersecano perpendicolarmente tra di esse, chiamate linee di forza.

Se facciamo caso i 4 “nodi” sono i punti che attirano maggiormente l’attenzione: la nostra attenzione è maggiormente catturata se il soggetto si trova in uno di questi 4 punti.

Si ottiene anche un ulteriore vantaggio: se il soggetto non è centrale, cosa che rende l’immagine statica, lo sguardo è invogliato a esplorare lo spazio rimanente all’interno del fotogramma, come se fosse guidato.

Prendiamo ad esempio una foto di paesaggio: collocando la linea dell’orizzonte sulla linea bassa della griglia si darà maggior importanza al cielo, al contrario, se posizionata su quella superiore si evidenzierà la terra.

La-regola-dei-terzi-bicchieri-universo-foto

Nella foto dei bicchieri la prima traccia verticale passa tra di essi in modo da attrarre l’attenzione, al contempo lo spazio libero a destra fa in modo che lo sguardo segua li movimento naturalmente.

La-regola-dei-terzi-fotografia-in-movimento

Nello scatto dell’aereo il soggetto si trova su un punto nodale, ma lo spazio davanti è ridotto.

Buona norma sarebbe, in presenza di oggetti in movimento, lasciare lo spazio davanti al soggetto nella direzione del movimento.

Anche nei ritratti la regola dei terzi aiuta a una migliore composizione

La-regola-dei-terzi-ritratto

Se abbiamo l’accortezza di posizionare l’occhio di un soggetto esattamente in uno dei nodi sicuramente attiriamo l’attenzione di chi guarderà l’immagine.

Abbiamo sbagliato inquadratura?

Esercitiamoci a ritagliare lo scatto con la regola dei terzi, probabilmente si ottiene una forza maggiore.

Buon divertimento!


Non perderti questo interessante articolo da parte di Vincenzo sull’HSS!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here