Home Pillole di fotografia Lunghe esposizioni: Come realizzarle e quali strumenti usare

Lunghe esposizioni: Come realizzarle e quali strumenti usare

0
lunghe esposizioni

La stagione autunnale si presta molto per sperimentare diverse tecniche di ripresa con la nostra fotocamera:

i colori accesi delle foglie, i ruscelli di montagna o il moto ondoso del mare sono occasioni da non lasciarsi sfuggire.

Questa volta ci occupiamo delle lunghe esposizioni:

argomento che suscita sempre un discreto interesse in quanto l’effetto “seta”, così impropriamente chiamato, piace molto ed effettivamente è particolarmente suggestivo.

Per ottenere un buon risultato bisogna mettere in conto di avere un sistema fotografico totalmente stabile, consideriamo la necessità di un treppiede davvero robusto….

Ma questo potrebbe ancora non bastare!

La diffusione sempre maggiore delle mirrorless ha facilitato di molto il compito: ora è più facile scattare con tempi più lunghi del solito.

Se utilizziamo una fotocamera con specchio è vivamente consigliato, se non praticamente obbligatorio, impostare la funzione “Mirror-Up”:

permette di alzare preventivamente lo specchio prima dell’effettivo scatto fotografico, in pratica una prima pressione del pulsante di scatto fa alzare lo specchio, la seconda fa aprire l’otturatore.

Potrebbe sembrare superfluo ma bisogna impostare anche l’autoscatto in modo da ridurre davvero al minimo la possibilità di far vibrare la fotocamera con conseguente micromosso della foto.

Lo scatto di esempio è stata realizzato utilizzando un filtro ND, in questo caso KASE ND64 a lastra, montato insieme al polarizzatore circolare magnetico senza utilizzarlo al massimo del suo effetto polarizzazione.

filtro lunghe esposizioni

Il kit KASE della serie K-100 include un portafiltri con anelli di raccordo dei diametri più diffusi e il polarizzatore magnetico davvero molto comodo:

una volta avvitato l’anello di raccordo tutto è di facile e rapido utilizzo, il filtro polarizzatore si posiziona in automatico nella sua sede per poi essere regolato tramite l’apposita rotellina zigrinata posta sul portafiltri.

Una sensibilità molto bassa e una esposizione di alcune decine di secondi hanno prodotto questa immagine che spero possa dare lo spunto alla vostra creatività.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here