Consigli pratici per utilizzare la luce naturale nella Food Photography

IE_food photography in esterna con luce solare

Dopo averti parlato dell'illluminazione artificiale, in questo nuovo articolo ti introduco come utilizzare la luce naturale, quella solare, nella Food Photography.

La prima cosa da fare, se il lavoro si svolge in un ristorante, è quella di valutare se è possibile avvicinarsi ad una finestra o addirittura poter fotografare all’esterno.

Una volta in posizione, è necessario pensare alla quantità di luce da introdurre nella scena.

La luce naturale è una luce veramente piacevole, morbida, pulita e soprattutto sempre a disposizione.

Ovviamente bisogna utilizzarla con cautela.

Infatti, fotografando ad esempio a mezzogiorno (uno dei cosiddetti orari sbagliati) sarà molto difficile controllarla, a meno che non si ricerchi la creazione di un contrasto tra luce e ombre.

Nella fotografia sottostante si può vedere come una luce solare ha dato la possibilità di realizzare un netto contrasto tra luci e ombre.

Luce solare food photography

In questo caso è stato necessario lavorare leggermente in sottoesposto per poter enfatizzare le ombre.

Un accessorio fondamentale:

Quando si utilizza la luce naturale è importante utilizzare dei pannelli riflettenti, se non ne hai a disposizione è sufficiente anche un tovagliolo bianco del ristorante dove ti trovi.

food photography in esterna con luce solare

Il pannello riflettente consentirà di diffondere la luce anche nelle zone in ombra.

L’utilizzo della luce naturale è quello più gettonato, ma bisogna ovviamente prendere in considerazione l’orario della sessione di scatto.

Lavorando in tarda mattinata, il sole sarà molto forte e sarà quasi impossibile non avere punti bruciati e nette ombre.

Consiglio sempre la fascia d’orario di metà mattina e metà pomeriggio, quando il sole è meno forte e la luce a disposizione sarà morbida e più facile da utilizzare.

Con l’utilizzo della luce naturale è necessario anche impostare un corretto bilanciamento del bianco.

Per evitare spiacevoli sorprese è utile avere con sé un cartoncino bianco puro, così da poter calibrare il bianco già in fase di scatto ed evitare colorazioni spiacevoli.


Ti è piaciuto questo articolo sulla luce naturale nella Food Photography?

Allora non perderti gli altri articoli della nostra rubrica!



Articolo precedenteIl Caffè Fotografico: intervista a Gabriele Pavan
Articolo successivoCerchi un flash per macrofotografia? Ecco il nuovo Godox MF12!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui