A cosa serve il bilanciamento del bianco in fotografia? Alcuni consigli da applicare in Food Photography

ev-bilanciamento-del-bianco-fotografia

In ogni stile fotografico credo che sia necessario saper realizzare delle immagini con il corretto bilanciamento del bianco.

Nella Food Photography, questa necessità è quasi fondamentale perché se si sbaglia la temperatura della fotografia rischiamo di cambiare il colore di un alimento.

Un piatto può cambiare la sua importanza e appetibilità visiva se sbagliamo il WB.

A cosa serve il bilanciamento del bianco in fotografia?

bistecca-food-photography-bilanciamento-del-bianco

Ricordiamo che il bilanciamento del bianco serve a regolare la temperatura della luce nella quale ci troviamo.

Un’errata impostazione della temperatura può provocare fotografie azzurre o arancioni.

Questi errori avvengono spesso perché non si ha una completa conoscenza di questo argomento, o ancora peggio si fotografa in una modalità errata (ad esempio in JPEG) che impedisce il processo di editing che può risolvere il problema.

Ricordo infatti che se si realizzano le fotografie in JPEG (qui le differenze tra JPEG e RAW) e si sbaglia il bilanciamento del bianco, quest’ultimo non potrà essere modificato in fase di sviluppo.

Come scegliere il bilanciamento del bianco?

bilanciare-il-bianco-in-fotografia-a-cosa-serve

La scelta del bilanciamento del bianco in fotografia può essere effettuata tramite le regolazioni presenti nella nostra fotocamera.

Possiamo scegliere infatti se realizzare fotografie in modalità:

  • Auto
  • Luce diurna
  • Ombreggiato
  • Nuvoloso
  • Flash
  • Tungsteno
  • Fluorescente

La modalità automatica (AUTO) permette alla fotocamera di scegliere la modalità più adatta, secondo il nostro strumento, alla nostra scena.

Possiamo utilizzare questa modalità solo se successivamente faremo un processo di editing, per regolare alla perfezione ciò che è stato già impostato dalla fotocamera.

Luce diurna, ombreggiato e nuvoloso sono delle impostazioni che utilizzeremo quando fotografiamo con la luce naturale (forse la più bella).

Sceglieremo quello più adatto alle nostre esigenze a seconda dell’intensità della luce che cade sul nostro piatto.

Flash, Tungsteno, Fluorescente li utilizzeremo invece nei momenti in cui il nostro piatto si troverà in luoghi dove ci sono delle luci artificiali o abbiamo intenzione di utilizzare il flash.

In entrambi i casi, consiglio però di utilizzare sempre il File RAW, perché ci permetterà di aggiustare il WB in fase di sviluppo del file.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui