Il protagonista dell’articolo di oggi è il nuovo obiettivo anamorfico Sirui 75mm T2.9 1.6X Full Frame arrivato da poco sul mercato italiano.

Il Brand, forte del suo successo in questa tipologia di prodotti, continua ad ampliare l’offerta consentendo ad un numero sempre maggiore di videomaker di ottenere risultati dal look cinematografico sfruttando il prezzo assolutamente vantaggioso.

Infatti, ti abbiamo parlato più volte delle varie lenti anamorfiche che compongono l’attuale line up di Sirui:

Adesso, arricchita anche dell’ultimo arrivato.

Caratteristiche del Sirui 75mm T2.9:

Prima di tutto è si tratta di un’anamorfica disponibile con innesto Sony E, Canon RF, Nikon Z ed infine Panasonic L.

Il prodotto arriva in una confezione ed è sigillato con una plastica sottovuoto a dimostrazione della cura nella produzione ed è accompagnato da una comoda borsa per proteggerlo negli spostamenti.

Si presenta con un corpo in metallo che dà subito un buon senso di robustezza con un peso che si aggira intorno al 1,3kg a seconda del modello.

Ha un innesto per vite ¼ così da poterlo montare su Rig per un utilizzo più comodo e le solite due ghiere:

  • Una per i diaframmi, che vanno dal T2.9 fino al T16
  • Una per la messa a fuoco, con una distanza minima di 85cm fino a più infinito
Sirui 75mm T2.9 1.6X obiettivo anamorfico e 50mm ghiere focus e diaframmi

Un aspetto molto interessante è il fatto che queste due ghiere sono posizionate alla stessa altezza rispetto a quelle del 50mm.

Questo facilita il lavoro del filmmaker che può cambiare lente nello stesso Rig ed utilizzando il solito Follow Focus.

Infine il design ottico si compone di 15 elementi divisi in 13 gruppi con un diaframma a 10 lamelle per garantire Bokeh morbidi e setosi.

A breve usciranno video e articoli con dei test sul campo, per cui continua a seguirci!


Il Sirui 75mm T2.9 1.6X Full Frame è disponibile sul mercato italiano e puoi trovarlo presso i nostri rivenditori autorizzati.


DOVE COMPRARE:

Articolo precedenteA-Focus, interviste ai nostri lettori: Ivan Maccagno
Articolo successivoAccessori “non fotografici” indispensabili per la Food Photography: Quali sono?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui