Il Caffè Fotografico: intervista a Clarissa Vivirito

IL-CAFFE-FOTOGRAFICO-head-Clarissa-Vivirito

Continuano le interviste al Caffè Fotografico (il precedente articolo con Emanuele di Mare puoi trovarlo qui).

Clarissa Vivirito

26 anni
Roma
Fotografa di Ritratto e Still Life

Come è entrata la fotografia nella tua vita?

Still life photografy e ritratto clarissa vivirito

La fotografia è stata una passione presente fin dall’infanzia, sfogliavo spesso le fotografie di mia madre.

Alla Prima Comunione mi hanno regalato la prima macchina fotografica e da lì ho iniziato a scattare.

La fotografia è il mio modo per esprimere la mia creatività e il mio punto di vista.

Quali sono gli autori che hanno maggiormente influenzato la tua visione?

Le due principali sono Diane Arbus per i suoi ritratti della diversità, normalizzandola e rendendola quotidiana, e poi Francesca Woodman per la pulizia e l’esecuzione dei suoi autoritratti, senza nessun velo nel raccontare la sua sofferenza.

Nel mio quotidiano amo anche prendere spunto da fotografi emergenti.

Che ruolo pensi ricopra la fotografia nel mondo attuale?

Ad oggi non è facile mettersi in mostra con la fotografia, i social hanno creato un immenso boom di immagini e questo in qualche modo fa sì che ci siano grandi possibilità ma per poche persone.

Penso che sia importante non perdere di vista il motivo e la passione che ha spinto tutti quelli che si occupano di immagini ad iniziare questo percorso.

L’unica cosa davvero fondamentale è creare la propria identità visiva.

Quanto pensi che l’attrezzatura sia importante per realizzare immagini?

Fotografia di ritratto e still life Clarissa Vivirito

Secondo me l’attrezzatura passa sempre in secondo piano.

È un mezzo per un fine, basta avere la giusta affinità e che il mezzo ti permetta di esprimerti.

La cosa più importante per me è che mi permetta di sperimentare nel modo migliore possibile.

Cosa non deve mai mancare nel kit del fotografo?

Io cerco sempre di portarmi tutto, dalle ottiche al carica batterie.

La scelta è dettata dal fatto che voglio evitare impedimenti sul set o limitare la mia creatività.

Quali sono i tuoi sogni nel cassetto?

Vorrei approfondire un percorso artistico e vendere le mie opere fotografiche.

Inoltre vorrei aprire il mio studio fotografico.


Ti è piaciuta l'intervista a Clarissa Vivirito? Scopri tutti gli altri ospiti de "Il Caffè Fotografico"

Articolo precedenteTreppiedi Sirui BCT Broadcast: elevata stabilità per ogni esigenza!
Articolo successivoSirui BCH – Teste video Broadcast: ideali per video professionali

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui