Home Recensioni Giudizi sul campo Recensione e test dell’obiettivo Viltrox 24mm F/1.8 STM

Recensione e test dell’obiettivo Viltrox 24mm F/1.8 STM

Viltrox 24mm F1.8 test e recensione

Oggi sottoponiamo ai classici test sul campo l’obiettivo Viltrox AF 24mm F/1.8 STM, installato per l’occasione su una Sony A7RII.

Ti avevamo presentato questo obiettivo in un precedente articolo, dove venivano annunciati anche il 35mm ed il 50mm di cui usciranno successivamente i relativi test.

Si nota subito la compattezza dell’obiettivo, perfettamente equilibrato sulla volumetria delle più comuni mirrorless.

Finora, gli obiettivi Viltrox che ho potuto testare hanno avuto tutti delle prestazioni ottime, a volte direi quasi sorprendenti, confermando l’eccellente rapporto qualità/prezzo.

Vediamo se anche in questo caso verrà confermato questo trend.

Il Viltrox AF 24mm F1.8 è dotato di innesto Sony FE e Nikon Z ed è utilizzabile sia su corpi full frame che APS-C.

È un prodotto che dà subito una bella sensazione perché è completamente in metallo; nonostante questo pesa soltanto 370g con dimensioni di 86x70mm e diametro filtri da 55mm.

Per quanto riguarda l’autofocus, di tipo Stepper Motor, è estremamente rapido e silenzioso e permette di correggere al volo il punto di messa a fuoco anche se impostato in automatico.

Quindi partiamo con i test e vediamo come si comporta il Viltrox 24mm F1.8:

Distorsione Viltrox 24mm

La premessa, come al solito, è che ho disattivato qualsiasi correzione in macchina ed ho scelto la Alpha 7RII proprio per stressare al massimo l’obiettivo.

Detto ciò, il primo test ci mostra come sia presente una leggera distorsione a barilotto, tutto sommato facilmente gestibile.

Per quanto riguarda la vignettatura è ben presente fino ad F/5.6.

Ottima prestazione a livello di flare: sia a tutta apertura che a F16 non ho notato immagini fantasma, contrasto sempre molto, molto elevato e flare ben controllato.

A proposito di aberrazioni cromatiche direi che quelle laterali, ovvero quelle che mostrano degli aloni violacei quando si mette a fuoco un soggetto ad alto contrasto, sono ben evidenti.

Comunque, si possono correggere facilmente semplicemente attivando la correzione in macchina oppure con il software di post produzione che utilizzi solitamente.

Le aberrazioni cromatiche assiali, ossia quelle devianze cromatiche che si hanno man mano che ci si sposta dal piano di fuoco, sono praticamente assenti.

test nitidezza

Successivamente ho testato la nitidezza, sia al centro che ai bordi, ad infinito, a media distanza e alla minima distanza di lavoro.

In tutti i casi, a massima apertura, si ha un’immagine leggermente morbida ma chiudendo di uno stop, meglio due, la nitidezza è veramente molto buona.

A F16 solitamente compare un po’ di diffrazione.

La nitidezza ai bordi è mediamente più indietro ed occorre chiudere fino a F4 o F5.6 per avere una qualità simile a quella al centro.

Chiaramente non potevo non provare lo sfocato.

Il Viltrox AF 24mm F/1.8, essendo un obiettivo molto luminoso, restituisce uno sfocato molto piacevole ed una buona progressività.

Sfocato Viltrox AF 24mm

Conclusioni:

I test li ho commentati via via e quindi devo dire che, tirando le somme, l’obiettivo si è comportato molto bene.

Soprattutto se confrontato con il prezzo con cui è possibile portarsi a casa quest’ottica.

Il Viltrox 24mm è adatto per svariate tipologie di fotografia: dalla street alla fotografia di viaggio, fino alla ritrattistica.


Se sei interessato all’acquisto del Viltrox 24mm F/1.8 dai uno sguardo ai nostri partner autorizzati!


DOVE COMPRARE:

Articolo precedenteCindy Sherman, “I miei scatti peggiori sono quelli in cui c’è troppo di me”
Articolo successivoA-Focus, interviste ai nostri lettori: Samuele Bertoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui