Home Recensioni Presentazioni prodotto Godox V860III: uno sguardo alle modalità di utilizzo e di controllo del...

Godox V860III: uno sguardo alle modalità di utilizzo e di controllo del flash speedlite

Godox V860III Ep2

Nel precedente articolo ti avevo presentato il flash a slitta Godox V860III e mostrato le sue caratteristiche.

Oggi il protagonista è ancora lui: ti mostrerò le funzioni, le modalità di utilizzo e la navigazione del menu.

Quindi, come è possibile controllarlo?

Innanzitutto con i comandi onboard, ovvero:

  • Il pulsante di accensione/spegnimento
  • Quattro tasti funzione che in base alla modalità di utilizzo assumono diverse funzioni
  • Il tasto Menu
  • Il pulsante che attua un blocco al fine di impedire modifiche accidentali
  • Il classico tasto di test del flash
  • Un altro con un’icona a forma di Z che permette di passare dalla modalità classica a quella wireless
  • Il pulsante Mode, che permette il passaggio tra le modalità TTL, Manuale oppure Multi
  • La ghiera di controllo per scorrere comodamente tra le impostazioni

Così, ad esempio, è possibile gestire comodamente la luce pilota, impostando la potenza nell’intervallo che va da 1 a 10 oppure selezionare la sua modalità di funzionamento.

Godox V860 III Flash cobra speed light

Infatti, è possibile scegliere che questa si disattivi nel momento in cui viene sparato il lampo oppure che rimanga sempre attiva.

Si può anche zoomare la parabola da 20mm fino a 200mm, in più estraendo il piccolo pannello diffusore si può usare a 14mm.

Comodo anche lo switch sul lato sinistro che permette di passare velocemente dalla modalità TTL alla modalità Manuale.

Quali modalità di utilizzo offre il Godox V860III?

Ovviamente è presente la classica modalità TTL, quindi il flash comunicherà continuamente con la fotocamera e di conseguenza calibra in automatico la potenza del flash.

Questa modalità consente comunque di:

Display e pulsanti Godox V860 Mark III
  • Compensare il flash con valori che vanno da +3 a -3
  • Attivare la modalità High Speed Sync (HSS) tramite l’apposito pulsante
  • Utilizzare un’interessante funzione, ovvero il TCM, con cui è possibile passare in modalità manuale mantenendo, però, i parametri dell’ultimo calcolo svolto in automatico

Questa modalità è utile quando si nota che i valori dell’ultimo scatto sono ottimi per le condizioni in cui si opera e quindi permette di mantenere il settaggio.

In modalità Manuale, invece, si ha il pieno controllo del flash.

In più rispetto all’utilizzo in automatico è possibile impostare i millimetri della parabola e quindi il suo angolo di campo, oppure il tasto che attiva le modalità S1 e S2.

Così è possibile utilizzare il Godox V860III come Slave, quindi staccato dalla macchina.

In questa maniera, tramite rilevamento ottico, il flash funzionerà:

  • Con S1, il suo sensore ottico attiva il flash non appena parte il lampo dalla macchina
  • Con S2, invece, risulta utile nelle condizioni in cui si utilizza un pre-lampo, attivandosi soltanto al secondo flash

Infine, è presente la modalità Multi, o Stroboscopica, che consente gli stessi settaggi precedenti con l’aggiunta di poter indicare il numero di scatti e la loro frequenza.

Utilizzando il V860III via wireless si hanno due ulteriori possibilità: può funzionare come trasmettitore controllando altri flash, oppure come ricevitore.

Se impostato come Master, si può intervenire selezionando:

  • I nomi delle unità da controllare
  • La modalità di funzionamento di ciascun Slave ed i vari parametri che abbiamo già visto

Si può utilizzare a sua volta come Slave ed innanzitutto cambia il colore di illuminazione del display proprio a differenziare il funzionamento.

Menu Godox V860 III Slave

Il flash si può settare e controllare in modalità wireless grazie ai trasmettitori come i Godox X1T, X2T, XPro oppure tramite cavo attraverso la porta Sincro Flash.

Come si presenta il menu?

È piuttosto semplice ed intuitivo, permette di compiere velocemente tutti i settaggi di cui ti ho parlato fin qui.

In più consente di controllare la versione attuale del Firmware, di impostare l’unità di misura oppure la modalità di standby.

Altre funzioni utili attivabili dal menu:

  • Il parametro F, che attiva una griglia luminosa che aiuta la messa a fuoco in condizioni di scarsa luminosità
  • Scan, ovvero una scansione dei vari canali per individuarne uno libero da possibili interferenze

Prossimamente ti mostrerò anche il suo utilizzo sul campo descrivendoti la mia esperienza di uso.


Ti ricordo che, registrando il prodotto sul sito toscanafotoservice.it, è possibile estendere la garanzia di un ulteriore anno.


DOVE COMPRARE:

Articolo precedenteFujifilm Instax Mini Evo Hybrid: La prima fotocamera istantanea sia analogica che digitale!
Articolo successivoMicrofono esterno per smartphone: test sul campo del Synco P1L

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui