Universo Foto intervista: Luciano Consolini, Nanlite Global Ambassador

ev-intervista-luciano-consolini-nanlite-ambassador

Oggi parliamo di Nanlite con l’intervista a Luciano Consolini, un professionista italiano del mondo della fotografia e non solo, che lavora anche all’estero.

L: Ciao a tutti! Sono Luciano Consolini, mi occupo fondamentalmente di fotografia e negli ultimi anni anche di regia.

Oggi avrò il piacere di parlarvi un po’ del modo in cui utilizzo le luci di Nanlite.

M: Perché le luci Nanlite? Perché Luciano Consolini è uno degli ambassador globali di Nanlite, quindi ha già avuto modo di giocare un po’ con questi prodotti

L: In realtà la storia con Nanlite è un caso di fortuiti eventi.

Un mio amico aveva uno dei primissimi Pavotube e io me ne sono veramente innamorato.

Caratteristiche fondamentali:

  • È un entry level per degli indie filmakers
  • Grazie al budget puoi avere più prodotti e formare un piccolo kit di partenza
  • Puoi iniziare a giocare e a sperimentare con un determinato tipo di luce e i suoi vari accessori

Molte volte il budget ridotto compromette la qualità della luce, ma questo è quello che io non ho riscontrato con Nanlite.

Adesso, previa la pubblicità da ambassador che io posso fare, la verità è che io ho scelto un marchio per la qualità della luce che mi dà, quindi se un prodotto non mi piace non lo scelgo, un po’ come farebbero tutti.

Quello che mi piace di Nanlite è che sperimenta tanto!

Mette a disposizione tanti prodotti di diverso tipo, come ad esempio il Forza 60.

Forse perché hanno i mezzi per poterlo fare, hanno deciso investire in tutti i mercati più piccoli, quindi da quello che deve registrare con la webcam, a chi come oggi, utilizza i loro prodotti Nanlux per dei set enormi.

M: Riguardo al Nanlite Forza 60, abbiamo notato un notevole interesse circa il suo utilizzo in fotografia perché è una luce piccola ma veramente potente e veramente ben definita

intervista-luciano-consolini-nanlite-linea-forza

Si tratta di una luce comoda da utilizzare per fare, ad esempio:

  • Still photography
  • Fotografia macro
  • Food photography

Adesso il nostro amabassador Francesco De Marco, che sta proprio utilizzando il forza 60 per questa tipologia di fotografia al cibo (qui il suo articolo) e il livello qualitativo, rispetto a dover utilizzare un flash, è drasticamente elevato.

Utilizzare una luce continua rispetto a una luce intermittente, soprattutto col mondo delle mirrorless, velocizza molto il flusso di lavoro.

L: Guarda, proprio adesso la squadra al piano di sotto sta facendo degli still life per dei gioielli.

Fino a ieri utilizzavano delle luci flash, oggi hanno deciso di cambiare tutto il set perché erano ingombranti, poco veloci e poco intuitivi.

Adesso stanno usando il Mixpanel per poter illuminare direttamente il set.

Hanno messo i brandoors, i softbox ed è super importante il fatto di poter avere degli accessori, per chi è abituato alle luci continue in stile Arri.

M: Stai citando il brand Arri che è il top nel mondo dell’illuminazione, mi pare quindi di capire che a oggi quindi un’azienda come Nanlite, con i prodotti Nanlite e Nanlux, si stia muovendo nella giusta direzione, vero?

ferrari-sul-set-con-luci-nanlite

L: Per me è da fuori di testa!

Nel senso che siamo tutti molto felici che loro lo stiano facendo.

Ovviamente citiamo Arri perché Arri si è guadagnato il primo posto durante tutti questi anni a livello qualitativo di luce, di potenza, di costruzione e quant’altro, quindi è il prodotto di riferimento.

Quindi quando noi andiamo a fare un paragone con qualche luce cerchiamo sempre il top per poterci adeguare ai loro riferimenti.

M: Toccando il tema del bianco e della purezza, in un video ho spiegato cosa sono il CRI e il TLCI, quest’ultimo molto sottovalutato, ma in realtà molto importante!

L: Il TLCI per noi è fondamentale!

Lo guardiamo più del CRI perché in realtà è quello che ci permette, nella fase di color, di andare a capire quanto saranno poi puri i colori sui quali andremo a lavorare in post produzione durante la fase di color.

Per noi poi è anche molto importante una luce che riesca a ridare lo skin tone in fase di post, che non vada ad inquinare i colori della pelle.

M: Posso dirti che tutti i prodotti Nanlite e Nanlux sono gestibili via DMX. A questo punto, vuoi raccontarci qualche video per darci qualche feedback?

controllo-dmx-rdm-luci-nanlite

L: Certo! Ti ho preparato una carrellata di video da commentare insieme.

Voglio farti prima vedere un po’ quello che è la stesa e poi quello che è il behind the scene.

Vedi il video per scoprire i feedback e i consigli sulla creatività!

M: Quindi più hai creatività meglio usi le luci Nanlite!

L: In realtà bisogna anche essere un po’ “golosi”!

Più ne hai più ne vuoi, trovi sempre un modo per andare a mettere le luci sul set a sistemarle.

Infatti ultimamente sono dell’idea che ne vorrei utilizzare solo una perché se ne ho cinque ne voglio usare sei! 🙂

Quindi questo è un po’ il problema ultimamente.

M: Direi che abbiamo detto già tantissime cose sull’utilizzo professionalie dei prodotti Nanlite e Nanlux. Parlando di audio, hai avuto modo di provare pure i microfoni importati da Toscana Foto Service, giusto?

microfono-videomaker-professionista-synco-d2

L: Ho utilizzato il Synco D2 collegato alla macchina perché avevo bisogno di prendere tutti i suoni dell’ambiente.

Sono rimasto veramente di stucco!

Non recepisce nessun suono che proviene da dietro, mentre da davanti riesce a prendere suoni fino a 5 metri di distanza senza avere quei disturbi che possono entrarti in camera.

M: E invece il blimp, ovvero il Synco KT8, come lo hai utilizzato?

L: In realtà il KT8 è stato utilizzato ad asta normalmente.

C’è da dire che il Blimp è un po’ lo strumento “magico”.

Chi non è abituato ad utilizzarlo si ritroverà veramente abbastanza spiazzato!

Immaginati a bordo pista dove hai il vento, hai rumori di qualunque entità che possono entrare da davanti, e con il Blimp prendi solo veramente il suono che va ad interessarti!

Apro e chiudo parentesi sul Synco D2: è veramente robusto!

Un microfono professionale deve essere robusto e a prova di caduta, perché se si rovina durante la fase di registrazione siamo rovinati!

M: Grazie mille per la chiacchierata e per aver condiviso con noi parte della tua esperienza e professionalità!


Ti è piaciuta questa intervista a Luciano Consolini?

In futuro avremo modo di portare altri contenuti realizzati da Luciano sul mondo Nanlite e non solo!

Resta sintonizzato iscrivendoti alla newsletter 😉

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui