Luci da studio fotografico – Recensione luce continua Nanlite Forza 60

ev-luce-continua-nanlite-forza-60

Nel mondo delle luci da studio sta prendendo sempre più piede un brand il cui nome è Nanlite.

Ho avuto la possibilità di utilizzare la luce continua il Nanlite Forza 60 durante gli ultimi set fotografici sia di ritratto che di Food.

La prima cosa che ho notato è la sua leggerezza (solo 0,8Kg) e l’essere molto compatto.

Infatti è una luce continua facilmente inseribile all'interno di uno zaino fotografico o di una tracolla

In questo modo è possibile averlo sempre a disposizione, anche se il Forza 60 ha una tracolla personalizzata e molto imbottita.

Per evitare di avere troppe borse fotografiche, ho preferito inserirlo nello zaino insieme al suo alimentatore.

Una volta montato insieme al softbox personalizzato, non in dotazione, il Forza60 inizia a sprigionare tutta la sua potenza ed efficacia.

luce-continua-nanlite-forza-60-softbox

La cosa che mi ha stupito maggiormente è la capacità di utilizzo insieme ai comandi essenziali.

Posizionato sullo stativo, aggiustata l’angolazione, basta semplicemente aggiustare la rotella di intensità per scegliere la quantità di luce necessaria.

La luce è bianca ovviamente, questo ci dà la possibilità di avere una resa cromatica accurata e reale.

nanlite-forza-60-display-controlli

Cosa molto fondamentale nella Food Photography, perché così si evitano colori irreali ai vari ingredienti.


Nell’ultimo servizio fotografico che ho realizzato, una volta posizionata la luce e aumentata l’intensità al 100% mi sono accorto che non era abbastanza.

luce-continua-fotografia-di-ritratto-raffaella-napoli
Modella: Raffaella Napoli

Per risolvere il problema il Nanlite Forza 60 ha la funzione FAN

Funzione che aumenta nettamente l’intensità della luce senza rendere il “rumore” della ventola un elemento di disturbo agli scatti.

A differenza di altri prodotti, i quali in questa funzione si possono surriscaldare, il Forza60, una volta accesa la modalità FAN, attiva in automatico una ventola di raffreddamento.

In questo modo la luce non si surriscalda neanche dopo una sessione di scatto di 9 ore continue.

Lo consiglio a coloro che vogliono avere un “set fotografico” portatile, leggero e poco ingombrante.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui