Home Pillole di fotografia Lo Spazio dei colori CIE

Lo Spazio dei colori CIE

0
spazio-dei-colori-cie

Dopo aver appreso come l’occhio acquisisce i colori, riflettiamo sul suo comportamento.

Che l’occhio osservi un’opera di un fotografo, i  colori da scegliere per ristrutturare l’appartamento, i saponi colorati alle bancarelle o un famoso dipinto, lui rimane lo stesso.

L’occhio che usiamo è lo stesso ma potrebbe cambiare il nostro atteggiamento in base alla luce, alla percezione, all’emozione e così via.

Di fatto percepiamo i colori in modo diverso anche se sono uguali.

Quindi arriviamo alla conclusione che al colore serve la luce e l’occhio!

Senza luce non possiamo vedere i colori, sembra scontato ma è così!

La luce inoltre è la principale variabile che ci fa modificare la percezione del colore.

Lo spazio dei colori CIE

Adesso facciamo un salto indietro e torniamo ai colori

colore-sRGB

Se in un driver,un proiettore, in una specifica di un monitor,o in un file troviamo la sigla sRGB stiamo attenti perché siamo di fronte a:

  • Una riduzione dei colori contenuti nell’immagine
  • Oppure una riduzione dei colori rappresentabili dalla periferica.

I colori potrebbero essere stati ridotti, per scelta o per caso.

Ricordiamoci che la “s” è minuscola. Infatti Superman ha la S maiuscola!

Quindi, “s” = riduzione dei colori!

Dal sistema Munsell allo spazio dei colori CIE

sistema-Munsell-sistema-CIE

Introduciamo il concetto dei profili colore e il loro mondo.

  • A sinistra troviamo il vecchio sistema Munsell. Con tre numeri nello spazio identifichiamo un colore
  • Sulla destra siamo ai giorni odierni e la forma rappresenta la risposta dell’occhio umano alla percezione dei colori RGB.

Nello spazio dei colori CIE ritroviamo l’area dominante composta dai verdi, infatti l’occhio è più performante nella percezione delle sfumature di questo colore.

spazio-dei-colori-CIE-LAB

La figura di sinistra è chiaramente piatta, ma in realtà stiamo parlando di forme a tre dimensioni; ossia di volumi.

Da dove iniziare per provare a classificare un colore?

Potremmo utilizzare dei numeri che sono determinati sulla base di 3 variabili, ovvero:

  • Tinta
  • Luminosità
  • Saturazione

Così identificheremo le variazioni precise al variare delle coordinate nello spazio che deve rappresentare tale colore.


Torna all’indice della rubrica sul mondo del colore!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here