Home Giudizi sul campo Treppiede Waterproof Sirui W2004: Giudizio sul campo e recensione

Treppiede Waterproof Sirui W2004: Giudizio sul campo e recensione

0
Matt-Bishop-Sirui-W2004
treppiede-sirui-w2004-in-azione

Ho provato per quasi un anno il Treppiede Sirui W2004 in diverse situazioni di fotografia paesaggistica; adesso sono felice di farvi una recensione, presentandovi un breve riassunto della mia esperienza con questo kit.

La mia ricerca è stata indirizzata verso un cavalletto che fosse:

  • Leggero
  • Economico
  • Resistente
  • In grado di resistere a pesi elevati

Quest’ultimo fattore è particolarmente importante per una Reflex full frame con obiettivi pesanti.

Dopo tanta ricerca ho trovato Sirui W-2004

Per fare una recensione completa del W2004, è importante sottolineare che, durante questo periodo di test, il kit è riuscito a sopportare condizioni atmosferiche estreme sulle montagne in Patagonia e sulle cascate del Dardagna per esempio.

matt-bishop-patagonia
sirui-w2004

Non ho mai avuto né problemi di funzionalità del sistema come chiusura del Twist Lock, né di posizionamento della testa (anche con temperature sotto gli 0 °C).

Il sistema risulta impermeabile ed è resistente a polvere e sabbia, un elemento molto importante per un fotografo.

L’idea di avere una gamba rimovibile da utilizzare come monopiede è un plus che devo dire funziona molto bene

A livello di resistenza da usura, il cavalletto ha reagito molto bene e mostra pochissimi segni di uso.

testa-a-sfera-g-20x

Bisogna controllare spesso che la testa sia ben stretta

Infatti l’unica cosa negativa che ho trovato è la sicurezza di blocco fra testa e il collo del cavalletto.

Considerando quanto si spende per questo kit devo dire, che per la performance che questo cavalletto offre, è un ottimo acquisto rispetto a tante altre marche che si trovano là fuori.

Matt Bishop è un fotografo paesaggistico Australiano. Vive in Italia dal 2002 e ha cominciato il suo percorso fotografico non appena arrivato qua. Affascinato da sempre dai paesaggi italiani, il bisogno di dover catturare la loro luce e le loro immagini è più forte di lui. Dopo tanti anni di utilizzo della pellicola, il suo passaggio alla fotografia digitale è stato piuttosto selettivo. Negli ultimi 3 anni, la sua professione lo ha portato a tenere vari workshop sia in Europa che in Patagonia. 

Recensione Sirui W2004: leggi il parere di un altro esperto!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here