Fotografare gli oggetti con strumenti di uso comune: macrofotografia in casa!

Macrofotografia in casa

Quali scatti è possibile realizzare in casa?

Oggi paliamo di Macrofotografia in casa

Ovvero di fotografia di oggetti con strumenti che abbiamo facilmente in casa o che possiamo procurarci facilmente se nessuno di noi ha provato l’emozione dell’effetto di fotografare un oggetto appoggiato sul plexiglass che per l’occasione sarà retroilluminato.

Questi scatti sono stati utilizzati, oltre ad una fotocamera con ottica macro 1:1:

  • treppiede SIRUI
  • tavolino macro GODOX modello “large”
  • trigger GODOX X2
  • 3 flash di diversa potenza, sempre della gamma GODOX.

Partiamo dalla foto più semplice, quella con le caramelle gommose.

La fotocamera è ovviamente impostata in modalità manuale ed stata inserita la più bassa sensibilità ISO possibile, in questo modo è possibile avere tutta la definizione del sensore.

L’Autoscatto è stato inserito e, se scattiamo con reflex, la funzione alzo dello specchio deve essere attivata in modo da scongiurare il micromosso.

Se si possiede un’ottica stabilizzata e si utilizza con un cavalletto, il sistema deve essere disinserito, in modo da non introdurre dei movimenti forzati delle lenti flottanti.

Il flash è utilizzato è un Godox V1 che è stato posizionato sul piano d’appoggio esattamente sotto il soggetto.

La potenza del flash è ridotta rispetto alla massima, a seconda delle impostazioni di scatto della fotocamera e della trasparenza del plexiglass.

Il diaframma deve essere sufficientemente chiuso per avere abbastanza profondità di campo ma non troppo chiuso per non andare a introdurre difetti ottici.

In generale direi che 11 è un valore da non superare.

Ho utilizzato il GODOX V1 perchè permette di utilizzare degli accessori ad attacco magnetico, contenuti nel kit AK-R1, in questo caso ho utilizzato:

  • il diffusore in modo da diffondere maggiormente il fascio luminoso
  • ho anche impostato la parabola zoom della testa flash nella posizione più grandangolare possibile, vista la altezza del tavolino.

Per quanto riguarda lo scatto del modellino di automobile ho aggiunto altri due flash:

  • uno con un NG medio diretto sullo sfondo in posizione “wide”
  • uno che, impostato nella posizione “tele” ho fatto rimbalzare sul soffitto quasi alla massima potenza.

In nessuno dei due casi realizzando questi scatti di macrofotografia in casa ho utilizzato un positivo o un negativo.

Cosa sono?

Sono superfici, in genere di polistirolo, dipinte di bianco o di nero, vedremo il loro fantastico utilizzo in uno dei prossimi articoli.

Divertitevi e sperimentate!

Scopri qui come realizzare dei fantastici filtri fotografici fai da te!

1 commento

  1. Molte grazie della lezione, rinfrescare la memoria è stato molto importante ,da tempo abbandonato lo still-life ma ora da casalingo ritornare hai vecchi tempi è sempre piacevole.
    Un sincero saluto . Aldo Consani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui