Patona, azienda che offre ottime soluzioni per l’energia portatile con batterie e caricabatterie, ha da poco lanciato una nuova linea di prodotti innovativi.

Noi, durante il MicroSalon e all’interno dello stand di Gruppo TFS, abbiamo presentato in anteprima uno di questi nuovi prodotti, ovvero una Power Station portatile.

Cosa si intende con Power Station portatile?

Si tratta di un generatore di corrente portatile che non provvede soltanto alla produzione di energia elettrica ma anche alla sua conservazione ed erogazione.

Le differenze principali rispetto ai classici generatori alimentati a benzina o gasolio è il fatto di essere incredibilmente silenzioso e non inquinante.

Per questo motivo la Patona Power Station può rivelarsi un accessorio veramente utile:

  • Come sistema di back up in caso di interruzione di corrente o di blackout elettrico
  • Per utilizzare elettrodomestici o attrezzature di lavoro laddove non siano disponibili prese di corrente
  • In caso di viaggi, soprattutto in campeggio, camper, barca, ecc oppure in fiera o nei mercati

Come si presenta il generatore portatile di Patona?

Il prodotto che abbiamo presentato in anteprima al MicroSalon ha una capacità di 1kWh ed un’ottima trasportabilità nonostante i suoi circa 10Kg.

La peculiarità di questi generatori è la ricarica che può avvenire o tramite la classica alimentazione a muro oppure tramite pannelli solari.

Quest’ultimi, sono acquistabili a parte come accessorio e sono dotati di tutti i cavi per collegare il sistema.

Una carica completa, con corrente a 220v, si ottiene in circa 2 ore mentre con i pannelli solari dipende dalla loro capacità e da dove vengono posizionati.

Dettagli Generatore Patona 1000W

Su un lato abbiamo tutte le porte più utilizzate: Schuko, USB 3.0, USB-C, 12V, più un comodo display dove possiamo vedere tutte le informazioni tra cui:

  • Percentuale residua della batteria
  • I Watt in uscita o ingresso, in base all’utilizzo che ne stiamo facendo

Tutte le porte sono suddivise in “settori” che possono essere attivati o disattivati semplicemente premendo l’apposito bottone.

In questo modo possiamo decidere comodamente a cosa dare energia senza dover interrompere il collegamento tra Power Station e la nostra attrezzatura.

Sul lato opposto, invece, si trova un LED che può essere utilizzato per illuminare l’area circostante oppure come segnale di aiuto.

Altra caratteristica degna di nota è la possibilità di alimentare i nostri strumenti anche quando stiamo ricaricando la Station.

Test sul campo Patona Power Station 1kw

Noi, al nostro stand qui al MicroSalon, abbiamo testato questo generatore di corrente portatile collegandoci addirittura un Dyno 650C ed un Evoke 1200B.

Mica bazzecole, parliamo di due prodotti professionali rispettivamente da 650W e 1200W: uno utilizzato al 100% della sua potenza e l’altro fino ad oltre il 50%.

Andando oltre, si supera la capacità da 1kWh, ed il sistema va in protezione staccando l’erogazione di corrente.

Questo per dimostrare che, in caso di shooting o riprese in esterna, laddove manca la possibilità di una presa elettrica, con questo sistema è possibile alimentare anche le luci professionali più energivore.

A breve arriveranno anche le altre Power Station portatili di Patona a completare la linea con capacita di 300W, 600W e 2000W.


Se sei interessato all’acquisto dei prodotti Patona, rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia!

Articolo precedenteBlack Friday 2022 Fotografia e non solo: Scopri tutte le Promo dei Partner Universo Foto!
Articolo successivoCanon EOS R7: Test sul campo e pareri della prima Mirrorless APS-C con innesto RF

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui