Home Recensioni Presentazioni prodotto Nanlite Green Screen portatile: Come utilizzarlo al meglio

Nanlite Green Screen portatile: Come utilizzarlo al meglio

41
0
Nanlite-Green-Screen

In questo articolo voglio parlarti di una novità di Nanlite, ovvero il suo Green Screen Chroma Key portatile.

Si tratta di una struttura che puoi montare e smontare per trasportarla ed utilizzarla ovunque ti possa servire.

Ti consiglio di non perderti il video perché al suo interno ti mostrerò come si monta.

Ovviamente all’interno della borsa è presente il manuale con le istruzioni di montaggio ben dettagliate che, grosso modo, possono essere riassunte in 4 passaggi:

  • Montaggio delle sezioni verticali
  • Montaggio delle sezioni orizzontali
  • Assemblaggio dell’intera struttura
  • Infilare, come fosse un “calzino” il telo Green Screen

Ne approfitto giusto per ricordare alcune accortezze da tener presente per utilizzare al meglio un Green Screen Chroma Key.

Come utilizzare al meglio un Green Screen:

Novità-Nanlite-limbo-verde-chroma-key

Le caratteristiche principali di un Chroma Key sono la compattezza e uniformità di colore e l’assenza di pieghe che poi potrebbero risultare difficoltose da eliminare in post produzione.

In questo caso il prodotto di Nanlite rispecchia i requisiti suddetti, grazie anche al tessuto elasticizzato e alla struttura che lo mantiene ben in tirare.

È presente anche un telo verde per utilizzarlo come pavimento, in questo caso il mio consiglio è quello di utilizzare dei pesi, come delle sand bag, per evitare che si formino delle pieghe.

Diciamo che, tenuto conto di quanto detto finora, le ulteriori accortezze da tenere riguardano per lo più l’illuminazione.

La prima regola per illuminare un Green Screen è quella di creare una luce molto morbida e diffusa, il più uniforme possibile.

Nanlite-Green-Screen chroma Key portatile

Questo per evitare che si formino delle cadute di luce, delle differenze di colore, che poi possano essere difficili da rimuovere con il Chroma Key.

Altra cosa da evitare sono le ombre, assoluto nemico in questa tipologia di lavori.

Il mio consiglio, quindi, è quello di utilizzare almeno due illuminatori disposti in maniera speculare ad una distanza tale che consenta un’ottima uniformità della luce.

Anche il soggetto dovrà disporsi ad una distanza che eviti di proiettare la sua ombra sul telo.

A questo proposito ci può aiutare un terzo punto luce, alle spalle del soggetto, che illumini il fondale.

Tra l’altro la vicinanza del nostro soggetto alla struttura può determinare un rimbalzo sulla sua sagoma di luce verde e creare un fastidioso effetto di scontornamento.

Ultima tips, cerca di non fare come me e non utilizzare vestiti di colore verde, anche se di un verde diverso.

Adesso non resta che divertirsi!


Fammi sapere cosa ne pensi di questo prodotto e come lo utilizzeresti!


DOVE COMPRARE:

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui