Home Pillole di fotografia Come utilizzare il flash: Guida alle impostazioni

Come utilizzare il flash: Guida alle impostazioni

867
0
IE_Come-utilizzare-il-flash-guida-alle-funzioni-flash

Capita spesso di ricevere domande su come utilizzare al meglio il flash ed ecco, quindi, una prima guida.

In questo articolo affrontiamo le impostazioni del flash, tutte quelle voci che puoi selezionare direttamente dai comandi del lampeggiatore oppure del trigger.

Per aiutarci in questo viaggio abbiamo utilizzato come supporto il Godox V1 PRO, ma sono funzioni che puoi trovare su ogni flash in commercio.

Come utilizzare il flash: Modalità

Solitamente sono presenti 3 modalità flash che permettono di controllare il comportamento del lampeggiatore durante uno scatto:

  • Manuale: Hai il pieno controllo su ogni impostazione e puoi regolare la potenza del flash da 1/1 (piena potenza), ½, ¼, ecc fino ad 1/256.
    Solitamente viene utilizzata in studio o situazioni di luce controllata dove è possibile testare e regolare la luce fino ad ottenere il risultato desiderato.
  • TTL: Letteralmente “attraverso la lente” (da “Trough The Lens”), utilizza il sistema di misurazione della fotocamera per determinare la luce necessaria e regola di conseguenza la potenza del lampo.
    Questa funzione è particolarmente utile nelle situazioni in cui le condizioni di luce cambiano rapidamente, come negli eventi o nelle fotografie di reportage.
  • Multi: o stroboscopica, permette di emettere una serie di brevi lampi in rapida successione durante una singola esposizione.
    Utilizzata principalmente per ottenere effetti creativi e artistici, perfetta in qualsiasi situazione si desideri mostrare il movimento.

Gestione della potenza e compensazione dell’esposizione:

Modalità-di-controllo-flash-Manuale-e-TTL

Come detto, in Manuale possiamo gestire la potenza del lampo e per farlo basta premere sul simbolo +/- e settare il livello desiderato.

In TTL, anche se la misurazione è automatica, possiamo comunque intervenire compensando l’esposizione da +3 a -3 stop, a seconda del prodotto.

Questo è fondamentale se vogliamo avere maggiore controllo sull’intensità del lampo e ottenere uno scatto con l’esposizione che si desidera.

Sincronizzazione del flash:

Questa è un’altra funzione fondamentale perché ti consente di impostare la sincronizzazione tra il lampo e la chiusura dell’otturatore.

Solitamente sono 3:

  • Prima tendina, il flash scatta immediatamente prima che l’otturatore della fotocamera si chiuda.
    Questa modalità è utile per creare effetti di movimento realistici.
    È particolarmente efficace in situazioni di scarsa illuminazione o con tempi di posa più lunghi.
  • Seconda tendina,il flash scatta immediatamente dopo che l’otturatore della fotocamera si è aperto completamente.
    Questa modalità è standard e viene utilizzata per la maggior parte delle situazioni fotografiche.
    È ideale per congelare il movimento del soggetto all’inizio dell’esposizione.
  • HSS, o “High Sync Speed”, permette al flash di sincronizzarsi con la fotocamera anche a tempi di posa più brevi della sincronizzazione standard (solitamente intorno a 1/200 o 1/250 di secondo, parametro che varia in base al modello di fotocamera).
    È particolarmente utile per scattare all’aperto in piena luce diurna con ampie aperture (per ottenere una profondità di campo ridotta) senza sovraesporre l’immagine.
    È anche utile per congelare movimenti molto rapidi.
Modalità-di-sincronizzazione-flash-HSS-Prima-tendina-Sconda-tendina

Zoom della parabola flash:

Nei flash che sono provvisti di questa funzione, ti consente di variare l’ampiezza dell’angolo del flash.

Solitamente viene gestito in automatico dal flash in base alla focale a cui stiamo scattando ma è possibile gestirlo anche manualmente.

Giusto per intendersi: con un grandangolo solitamente hai bisogno che il flash abbia un angolo più ampio per coprire l’intero fotogramma; viceversa, con un tele l’angolo potrà essere più stretto per concentrarsi sul soggetto e non disperdersi.

Modalità Wireless:

Per capire come utilizzare il flash, è fondamentale comprendere che ne esistono di due tipologie, Master e Slave, e quindi due possibilità di gestirli wireless.

Infatti, se usiamo il flash montato sulla fotocamera, il problema non si pone.

Ma se volessimo utilizzare un flash montato su stativo, speedlite o da studio che sia? Oppure se volessimo comandare più di un flash?

Ecco che entrano in gioco i trigger, o trasmettitori, e i flash master.

Flash-Master-Slave-Trigger

Queste due tipologie di prodotti ti consentono di controllare tutte le impostazioni, manuali o TTL che siano, e di trasmetterli ad altri flash che saranno impostati, appunto, in Slave.

Quindi, un flash Master può controllare altri flash oppure essere utilizzato a sua volta in modalità Slave.

Uno Slave può essere controllato soltanto direttamente quando montato su fotocamera, oppure con trigger o flash Master.

Qui trovi una guida sulla connessione tra trigger e flash.

Gruppi e canali:

Infine, per completare il nostro articolo su come utilizzare il flash e chiudere la nostra lista delle principali funzioni, parlerei dei canali e dei gruppi.

Questi si rivelano fondamentali quando dobbiamo ricorrere a modalità di controllo Wireless, precedentemente descritte.

Per fare un’analogia, i canali sono come quelli che consentivano ai vecchi Walkie Talkie di poter dialogare; alla stessa maniera flash e trigger dovranno essere settati sullo stesso canale.

Godox-X3-Trigger-Flash-Touchscreen

Questo aiuta ad evitare interferenze in quei contesti dove sono presenti più set, ad esempio, con setup di flash diversi.

I gruppi, invece, ti consentono di poter gestire più flash settandoli ciascuno con impostazioni diverse.

Sul gruppo A puoi settare, ad esempio, uno o più flash a piena potenza, sul gruppo B dei flash ad ¼, ecc. così da poter impostare il tuo schema luci e ottenere la giusta illuminazione.

Conclusioni:

Siamo giunti al termine di questa prima “lista” di tutte le funzioni per comprendere come utilizzare il flash.

L’uso di un flash offre un maggiore controllo sull’illuminazione e può migliorare la qualità delle tue foto in una vasta gamma di situazioni.

Adesso non ti resta che sperimentare!


Hai altre domande per comprendere meglio come utilizzare il flash? Scrivicele nei commenti qua sotto e prenderemo spunto per un nuovo articolo!

Lascia un commento

Inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui