Performer a casa mia – Storytelling di Valeria Secchi

ev-quarantine-performer-a-casa-mia

In questo nuovo articolo di Storytelling parliamo di: “Performer a casa mia”, progetto fotografico di Valeria Secchi nato durante il periodo di lockdown.

Ogni immagine declina diversamente il rapporto dell’individuo con la dimensione domestica: luogo di isolamento e protezione, la casa assume i panni del sostituto di un al di fuori proibito, diventando ora palcoscenico, monastero, ufficio e supermercato a seconda delle esigenze del personaggio che abita lo spazio.

Le mura domestiche ospitano dunque fantasie, proiezioni di assenze, come le amicizie lontane nell’immagine Group photo with imaginary Friends or I miss my friends so I did this simile per formato alla classica fotografia scolastica di fine anno,

1-valeria-secchi-GROUP_PHOTO_WITH_IMAGINARY_FRIENDS_BECAUSE_I_MISS_THE_REAL_ONES
Group photo with imaginary Friends or I miss my friends so I did this

ma anche un desiderio di fuga, da se stessi e dal presente, come in I thought I could run away from myself but I was wrong dove una donna, colta nel tentativo di evasione, rimane impigliata dai lacci delle scarpe cadendo a terra, sconfitta.

2-valeria-secchi-storytelling-i_thought_i_could_run_away
I thought I could run away from myself but I was wrong

Il catalogo di soggetti presentati in questo progetto è eterogeneo, ogni fotografia interpreta una reazione diversa alla condizione di isolamento.

C’è chi, ironicamente, fa di necessità virtù come in How I tan dove una figura femminile prende il sole con una lampada al led, chi, annoiato, sperimenta e gioca con il proprio volto come in Playing with my eyebrows because I’m booooored

ma c’è anche chi non sopporta più di stare alle prese con se stesso e grida la sua insofferenza come nell’immagine Mi sto sul cazzo.

5-valeria-secchi-MI_STO_SUL_CAZZO
Mi sto sul cazzo

“Performer a casa mia” vuole comprendere e reinterpretare un modus vivendi proprio della pandemia

tratteggiando i lineamenti di un nuovo soggetto la cui unica finestra sul mondo è quella virtuale.

È in questa finestra che si determina l’istanza performativa: la casa è qui insieme intimità e spettacolo, il soggetto persona e performer.

Da qui il titolo del progetto: “Performer a casa mia” allude, infatti, ad una soggettività spettacolarizzata, costretta a mostrarsi mentre performa e produce, pena l’esclusione da una maggioranza.

valeria-secchi-me_and_my_fashionista_friend
Me and my fashionista friend

Valeria_Secchi

Valeria Secchi nasce nel 1990 a Sassari.

Dopo la laurea in Filosofia conseguita all’Università di Sassari, Valeria decide di frequentare l’Accademia di Belle Arti Sironi dove inizia il suo percorso artistico.

La ricerca di Valeria si concentra sulle possibili declinazioni del rapporto soggetto – oggetto nella società dei consumi, con particolare attenzione ai social media.

Nel 2020 Valeria si trasferisce a Berlino dove frequenta il Berlin Art Institute, scuola d’arte internazionale dove ha la possibilità di conoscere la scena artistica berlinese.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui